Uomo si suicida perché aveva perso il lavoro

TORINO, MURATORE SI IMPICCA A 38 ANNI.
LA COMPAGNA: “AVEVA PERSO IL LAVORO”

TORINO – Un muratore torinese di 38 anni si è impiccato ieri sera nella cantina di un condominio nel quartiere Barriera di Milano, a Torino. La sua compagna, in attesa di un figlio, ha raccontato alla polizia che l’uomo aveva perso il lavoro. Le ragioni del gesto, riportato stamattina dal quotidiano locale Cronacaqui, sono ora al vaglio della polizia, intervenuta sul posto.
La convivente è stata trasportata all’ospedale Giovanni Bosco in stato di choc. Da pochi giorni l’impresa per cui lavorava gli aveva comunicato che non c’era più lavoro e che avrebbe dovuto restare a casa. Ieri sera, poco prima di cena il muratore aveva detto alla compagna che sarebbe sceso in cantina per cercare un attrezzo.
Non vedendolo tornare la donna, al sesto mese di gravidanza, è scesa a cercarlo e lo ha trovato impiccato a una trave con un cavo elettrico. Quattro giorni fa a Torino un grossista di ortofrutta si era sparato in quanto oppresso dai debiti e da alcune cartelle esattoriali.

http://www.leggo.it/news/cronaca/torino_muratore_si_impicca_a_38_anni_la_compagna_aveva_perso_il_lavoro/notizie/223595.shtml

This entry was posted in Suicidio uomini, Violenza economica, Violenza istituzionale. Bookmark the permalink.