Italiano, carabiniere, accusato di violenza sessuale nei confronti della figlia

Violenza sessuale, la figlia accusa papà carabiniere: “Mi ha palpeggiato il seno”

L’episodio sarebbe accaduto nella primavera 2007, quando il genitore, separato dalla moglie, era andato a farle visita. L’uomo, accusato di violenza sessuale aggravata, nega tutto e si dice sconvolto

Ancona, 8 giugno 2011 – Avrebbe palpeggiato il seno della figlia nel parcheggio di un centro commerciale alla Baraccola. E’ stata la stessa ragazza, all’epoca dei fatti (primavera 2007) non ancora sedicenne, a raccontare l’episodio ad una psicologa. Per questo un carabiniere residente in Abruzzo è finito sotto processo ad Ancona con l’accusa di violenza sessuale aggravata.

L’uomo, separato dalla madre della ragazzina, nega tutto e si dice sconvolto. E un’amica dell’adolescente ha riferito di non saperne nulla. Ad ogni modo, secondo la presunta vittima, il padre, giunto nel capoluogo dorico per farle visita, le avrebbe alzato la felpa per toccarle il seno. La ragazza si è costituita parte civile e chiede 200mila euro di risarcimento.

Il processo riprenderà il 30 novembre prossimo.

http://www.ilrestodelcarlino.it/ancona/cronaca/2011/06/08/520958-violenza_sessuale_figlia.shtml

Questa voce è stata pubblicata in Molestie, Violenza maschile. Contrassegna il permalink.

1 risposta a Italiano, carabiniere, accusato di violenza sessuale nei confronti della figlia

  1. Francescas scrive:

    E’ difficile commentare… Perché stando alle parole della ragazzina, la faccenda non può che definirsi agghiacciante, ma da quanto si legge, non c’è nessuna prova concreta, soltanto la parola di una contro l’altro. A meno che la questione non sia stata posta in questi termini da chi ha divulgato la notizia che, già metteva in dubbio la testimonianza della ragazza. E poi il fatto che la sua amica non sapesse niente, non vuol dire granché. Penso sia molto difficile confidare certe cose, insomma non si tratta di un pensiero o un problema qualsiasi, quindi magari non riusciva a tirarlo fuori, finché poi c’è riuscita con la sua psicologa. Mah non saprei proprio cosa dire in merito.

I commenti sono chiusi.