#92 – Italiano, uccide la ex e si suicida

Uccide una donna nel suo negozio e si spara
Milano Marittima, nuovo femminicidio
Tragedia in un salone di parrucchiera in viale Romagna forse per motivi di gelosia: è morto anche l’uomo. Un’altra persona è stata portata in ospedale sotto choc

Ha ucciso una donna, Sandra Lunardini, 49 anni, nel suo salone di parrucchiera, probabilmente per gelosia o per questioni economiche, poi ha rivolto l’arma contro se stesso: a pochi minuti di distanza dalla tragedia è morto anche l’omicida, Gianfranco Saleri, 61 anni, che ha aperto il fuoco all'”Hair fashion Sandra” di viale Romagna a Milano Marittima, località rivierasca in provincia di Ravenna.

Saleri – che aveva con sé due pistole, regolarmente detenute – avrebbe fatto uscire la donna dal negozio, poi le ha sparato in un cortile laterale. All’arrivo dei sanitari del 118 per Sandra Lunardini non c’era più nulla da fare. L’uomo è stato caricato in ambulanza, ma è morto poco dopo. Una testimone del delitto, dipendente del salone, è stata portata in ospedale: non è rimasta ferita, ma ha subìto un forte choc.

L’uomo e la donna che hanno perso la vita in passato avevano convissuto, ma la loro storia era finita da qualche tempo. Gli inquirenti dovranno ora capire se l’omicidio è avvenuto per ragioni di gelosia o forse per questioni economiche legate ad attività di cui sia Sandra Lunardini sia Gianfranco Saleri rivendicavano la titolarità.

http://bologna.repubblica.it/cronaca/2012/07/24/news/milano_marittima-39600204/?ref=HREC1-2

LA TRAGEDIA
Milano Marittima, uccide ex compagna
in negozio e poi si spara
Tragedia a Milano Marittima sul litorale ravennate. Un uomo di 61 anni, originario del bresciano, è entrato armato di due pistole in un salone di parrucchiera. Dopo una discussione ha ucciso con due colpi di pistola la sua ex compagna, titolare del negozio, per poi rivolgere l’arma da fuoco contro sè stesso. L’omicida è deceduto sul posto dopo l’intervento dai sanitari. A nulla sono valsi i tentativi di rianimarlo. Secondo una prima ricostruzione, la vittima, una 49enne originaria e residente a Cervia aveva convissuto per un periodo con il 61enne. Ma da qualche mese la loro relazione era finita. All’origine del fatto di sangue, secondo le prime verifiche dei carabinieri, i forti contrasti tra i due per la gestione di alcune attività economiche.

L’omicida-suicida, Gianfranco Saleri, 61 anni bresciano di origine e residente a Cervia, senza precedenti penali, era entrato verso le nove e mezza di questa mattina nel locale di parrucchiera gestito dalla sua ex compagna a Milano Marittima. La vittima, Sandra Lunardini, 49 anni, divorziata con due figli avuti da una precedente relazione, aveva convissuto con l’uomo per un periodo ma da qualche tempo la loro unione si era rotta. E sembra, dalle prime verifiche dei militari dell’Arma, che ci fossero dissapori per alcune attività economiche di cui entrambi rivendicavano la titolarità. Questa mattina, secondo le prime verifiche dei carabinieri, una discussione si sarebbe sviluppata nel cortile interno del negozio. Poi alcuni testimoni avrebbero sentito esplodere due colpi di pistola. La donna è morta subito. Mentre il 61enne è deceduto dopo l’arrivo dei sanitari intervenuti per un disperato tentativo di rianimarlo. Nel negozio, ma non nel cortiletto dove è avvenuto l’omicidio-suicidio, era presente anche una commessa attualmente in stato di choc per lo spavento subito. Le due pistole di cui era in possesso l’uomo erano regolarmente detenute. Sul caso indagano i carabinieri.

http://www.avvenire.it/Cronaca/Pagine/milano-marittima-uccide-compagna-poi-si-spara.aspx

Spara tre colpi a una donna e poi si uccide
Omicidio suicidio nel centro di Milano Marittima. Forse per gelosia

Il parrucchiere ‘Sandra’ dove si è consumata la tragedia
MILANO – Omicidio-suicidio in pieno centro a Milano Marittima, in provincia di Ravenna. Un uomo ha ucciso una donna, probabilmente per motivi di gelosia, e poi si è tolto la vita rivolgendo la pistola contro se stesso.
PER GELOSIA – L’omicio si è consumato al salone di bellezza «Sandra», in via Romagna, sul litorale ravennate. L’uomo avrebbe fatto uscire la donna dal negozio per poi spararle tre colpi in un cortile laterale. Sarebbe stata ferita anche un’altra donna, l’unica testimone dell’accaduto, e dipendente del salone, ora in stato di forte choc. I sanitari del 118 hanno tentato di stabilizzare l’uomo, ma inutilmente. Sul posto anche il Pm Isabella Cavallari.

http://www.corriere.it/cronache/12_luglio_24/milano-marittima-omicidio-suicidio_67fbe924-d571-11e1-8344-73c80d6dcb3d.shtml

MILANO MARITTIMA
Uccide una donna
e si toglie la vita
24/07/2012
Ha ucciso una donna, probabilmente per motivi di gelosia, in un salone da parrucchiera in viale Romagna a Milano Marittima, sul litorale ravennate, poi ha rivolto l’arma contro se stesso, facendo fuoco.

Ha ucciso una donna, probabilmente per motivi di gelosia, in un salone da parrucchiera in viale Romagna a Milano Marittima, sul litorale ravennate, poi ha rivolto l’arma contro se stesso, facendo fuoco.

All’arrivo dei sanitari del 118 per la donna, che secondo le prime informazioni era la responsabile del negozio, non c’era più nulla da fare. L’uomo, che con la vittima aveva un legame sentimentale, è morto dopo essere stato caricato sull’ambulanza. I sanitari del 118 hanno tentato di stabilizzarlo sul posto, ma inutilmente.

Al momento della sparatoria un’altra donna era presente nel negozio. Si tratta di una dipendente, probabilmente l’unica testimone dell’episodio: non è rimasta ferita, ma ha subito un forte choc. L’uomo avrebbe fatto uscire la vittima dal negozio, poi le ha sparato in un cortile laterale.

Sono immediatamente intervenuti anche i Carabinieri. Sul posto anche il Pm Isabella Cavallari.

http://www.gazzettadelsud.it/news/home/3077/Uccide-una-donna–e-si-toglie-la-vita.html

Uccide donna in negozio a Milano Marittima, poi si suicida
(ANSA) – RAVENNA, 24 LUG – Ha ucciso la donna con la quale aveva (o aveva avuto) un legame sentimentale, stamane davanti a un salone da parrucchiere a Milano Marittima, poi si e’ tolto la vita con la stessa arma. Unica testimone, una dipendente del negozio, portata all’ospedale in forte stato di choc. L’uomo avrebbe fatto uscire la vittima dal locale, in viale Romagna, poi le ha sparato in un cortile laterale. Indagano i Carabinieri; e’ intervenuta anche la polizia. Sul posto pure la pm Isabella Cavallari.

http://www.unita.it/notizie-flash/uccide-donna-in-negozio-a-milano-marittima-poi-si-suicida-1.432228

Tragedia a Milano Marittima, uccide la ex poi si spara

Omicidio suicidio in pieno centro a Milano Marittima. Questa mattina un uomo ha fatto fuoco nel salone parrucchieri ‘Sandra Hair Fashion’ in viale Romagna uccidendo la titolare, Sandra Lunardini, madre di due figli, sua ex compagna. Poi si è rivolto l’arma contro ed ha premuto di nuovo il grilletto.

La tragedia si è consumata intorno alle 9 di questa mattina. Quattro colpi in tutto, tre sulla donna e uno contro sé stesso. L’uomo, 61 anni, si sarebbe presentato armato all’interno del negozio, avrebbe costretto la vittima ad uscire sparandole in un cortile adiacente.
Pare che all’origine del folle gesto ci sia una storia d’amore e tradimenti. La vittima, una cervese sulla cinquantina, è molto conosciuta in città. L’omicida è Gianfranco Saleri, 61enne di origine bresciana, con cui la donna, separata, aveva avuto una relazione. Un’altra donna, dipendente del salone, è finita in ospedale sotto choc dopo aver assistito al folle gesto.
Sul posto oltre ai soccorsi del 118 che hanno tentato inutilmente di rianimare l’uomo, deceduto sul posto, sono intervenuti i Carabinieri.

http://ravennanotizie.it/main/index.php?id_pag=23&id_blog_post=57073

Spara all’ex e poi si uccide
La vittima è una parrucchiera 47enne
Il fatto da “Sandra” a Milano Marittima

Ha sparato alla sua ex, una parrucchiera cervese di circa 47 anni, Sandra Lunardini, madre di due figli, uccidendola. Poi si è suicidato. La tragedia è avvenuta questa mattina a Milano Marittima nel salone da parrucchiera “Sandra” di viale Romagna.

L’omicida è un bresciano con cui la donna aveva avuto una relazione (ma non era il padre dei suoi figli). Un’altra donna, sembra l’assistente della parrucchiera, è stata lievemente ferita ed ora è ricoverata in ospedale. Altre persone hanno assistito all’omicidio e sono state portate via in stato di choc.

http://www.ravennaedintorni.it/ravenna-notizie/33466/spara-all-ex-e-poi-si-uccidela-vittima-e-una-parrucchiera-47enne.html

Uccide una donna e poi si spara Follia in un salone da parrucchiera
Omicidio-suicidio a Milano Marittima Commenti
Tragedia questa mattina in viale Romagna: la vittima è Sandra Lunardini, cervese di 47 anni, madre di due figli; aveva avuto una relazione con il suo omicida, un bresciano. Ferita un’assistente, diverse persone sotto choc

Milano Marittima (Ravenna), 24 luglio 2012 – Tragedia a Milano Marittima. Stamattina, verso le 9, si sono uditi dei colpi di pistola nel salone da parrucchiera ‘Sandra’ in viale Romagna. Gianfranco Salieri, ex compagno della titolare del salone, è entrato e le ha sparato, uccidendola, poi ha rivolto l’arma contro di se facendo fuoco.
Sul posto sono intervenuti i sanitari del 118: per la donna, Sandra Lunardini, non c’è stato niente da fare; i medici hanno tentato di rianimare l’uomo, che è morto poco dopo.
La vittima è una cervese di 47 anni, madre di due figli. Da tempo gestiva il salone da parrucchiera. L’omicida è un bresciano con cui la donna aveva avuto una relazione (ma non era il padre dei suoi figli). La vittima, separata, era molto conosciuta in città. La coppia si era separata in primavera ma, secondo le prime informazioni, l’uomo aveva continuato a cercarla. Sembra infatti che una settimana fai lei l’avesse denunciato per minacce. L’uomo negli ultimi giorni aveva minacciato più volte di volerla fare finita.
Un’altra donna, sembra l’assistente della parrucchiera, è stata lievemente ferita ed ora è ricoverata in ospedale. Altre persone hanno assistito all’omicidio e sono state portate via in stato di choc. Sul posto, oltre ai Carabinieri e alla Polizia sono giunti il procuratore Mescolini e la p.m Elisabetta Cavallari.

http://www.ilrestodelcarlino.it/ravenna/cronaca/2012/07/24/748397-uccide-a-una-donna-e-poi-si-spara.shtml

Ravenna, uccide donna in salone bellezza:a base motivi economici
Uomo di 61 anni va da ex compagna e porta con sè tre pistole

Bologna, 24 lug. (TMNews) – Un uomo di 61 anni si è presentato questa mattina alle 9 davanti al salone di bellezza “Sandra hair fashion” in una via principale di Milano Marittima, nel ravennate, gestito dalla sua ex compagna di 49 anni. I due hanno discusso ad alta voce per qualche minuto fuori dal locale; lui ha impugnato una delle tre pistole che aveva con sé e ha sparato tre colpi al petto della donna uccidendola. Ha quindi rivolto la seconda arma contro se stesso ferendosi gravemente alla testa. I sanitari del 118 allertati, da due commesse che hanno sentito gli spari dall’interno del negozio, hanno inutilmente tentato di rianimarlo. Secondo le prime ricostruzioni dei Carabinieri, non ci sarebbe un motivo passionale alla base del gesto, ma economico.

http://www.tmnews.it/web/sezioni/cronaca/PN_20120724_00097.shtml

Uccide l’ex compagna e poi si spara
Choc tra i negozi di Milano Marittima

La vittima, una 49enne originaria e residente a Cervia aveva convissuto per un periodo con il 61enne
L’agguato di fronte al salone
da parrucchiera della donna
MILANO MARITTIMA
Gianfranco Saleri, 61 anni, ex imprenditore originario di Coccaglio (Brescia) verso le 9 ha ucciso l’ex convivente Sandra Lunardini, 50 anni, di Cervia (Ravenna), con tre colpi al torace esplosi di fronte al negozio di parrucchiera di Milano Marittima che la donna gestiva da qualche tempo. Poi si è tolto la vita.

Inutili i tentativi del 118 di rianimarlo. I due corpi sono rimasti accasciati l’uno accanto all’altro finché in tarda mattinata la polizia mortuaria li ha caricati sullo stesso furgone per l’ultimo viaggio verso l’obitorio. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri del Roninv (Reparto operativo nucleo investigativo) di Ravenna e del Nucleo Operativo di Cervia, che stanno anche verificando l’eventuale presenza di biglietti e sms, l’uomo è arrivato nel negozio del centralissimo viale Romagna all’orario d’apertura; in quel momento dentro c’erano solo una dipendente e la 50enne. Quindi ha chiamato la donna fuori per un ennesimo chiarimento. Poi tutto è accaduto in pochi istanti in un cortiletto adiacente allo stabile.
Con la prima pistola ha ammazzato lei, con la seconda si è sparato in testa. E la terza gli è stata trovata addosso durante l’ispezione cadaverica.

L’unica persona che ha assistito alla scena è stata la dipendente, portata via in stato di choc con l’ambulanza del 118. Il primo a dare l’allarme è stato un turista bolognese, che in principio aveva creduto allo scoppio di alcuni mortaretti. E che invece, avvicinandosi, ha visto i due corpi. Sul posto, oltre a polizia e carabinieri, sono intervenuti il Pm Isabella Cavallari, il procuratore capo Roberto Mescolini e il medico legale Donata Dal Monte. Dagli accertamenti è emerso che nell’ultimo mese la donna aveva denunciato l’uomo per due volte alla locale Stazione dell’Arma. Entrambe per questioni legate agli incassi del negozio ritirati dal bresciano il quale, nonostante la recente conclusione della relazione sentimentale a causa di un suo presunto tradimento con un’ex dipendente poco più che ventenne, considerava l’attività ancora di sua competenza, guadagni quotidiani compresi. Da qui scaturivano alterchi, caratterizzati anche da minacce molto gravi.

La prima denuncia, del 27 giugno scorso, quando il bresciano, dopo aver insultato la ex, l’aveva esplicitamente minacciata di morte. La seconda denuncia risale appena a giovedì scorso per fatti analoghi. Saleri, divorziato, due figlie da una precedente relazione, in passato co-titolare di un’impresa di accessori per il bagno e da tempo domiciliato in una villetta di Milano Marittima, non faceva mistero di possedere le tre pistole – una Smith & Wesson 357 Magnum, una Glock e una Beretta 7.65 – tanto da averle mostrate in più di una occasione a diversi residenti. Ma tra i locali della zona, oltre che per il suo carattere considerato irrequieto, era noto per la sua passione per i motori. Oltre alla vettura “New Beetle” Volkswagen ultima serie, con la quale in mattina ha raggiunto il negozio della ex, girava pure con una Ferrari F40 che da poco aveva sostituito una Porsche, con una Mercedes Smart e con una moto “TMax” Yamaha.

Anche la donna, ex moglie di un noto parrucchiere della zona, aveva due figli: una ragazza di 21 anni che sarebbe dovuta partire per l’Erasmus, uno di 17 anni che lavora in un bar a pochi passi. E che ha saputo della morte della madre quasi in diretta.

La vicenda ricorda un altro omicidio-suicidio che ha toccato la stessa zona: il 31 maggio un pensionato barese di 60 anni aveva assassinato a Cesena una donna di 45 anni con cui aveva avuto una breve relazione e che lo aveva denunciato per stalking. Poi era scappato e si era asserragliato nel Duomo di Cervia dove, dopo un tentativo di mediazione andato avanti tutto il pomeriggio, si era sparato un colpo al petto, suicidandosi.

http://www3.lastampa.it/cronache/sezioni/articolo/lstp/463472/

RIVIERA SOTTO CHOC
Omicidio-suicidio a Milano Marittima
Un uomo uccide la ex e poi la fa finita
La vittima, Sandra Lunardini, era una parrucchiera freddata all’esterno del negozio da Gianfranco Saleri

BOLOGNA – Choc a Milano Marittima. Un uomo di 61 anni, Gianfranco Saleri, bresciano da tempo trasferitosi in pianta stabile nella cittadina della Riviera, ha ucciso con un colpo di pistola la ex fidanzata Sandra Lunardini, 49 anni, per ragioni di gelosia o forse per motivi economici, poi ha puntato contro di sé un altro revolver e l’ha fatta finita. L’omicidio-suicidio si è consumato all’esterno dell’ «Air fashion Sandra», il negozio di parrucchiera di viale Romagna, di cui la donna era titolare.

LA RICOSTRUZIONE – Secondo la ricostruzione degli inquirenti, l’uomo sarebbe entrato nel negozio e avrebbe fatto uscire la donna. In un cortile laterale, le ha puntato la pistola e ha fatto fuoco al petto. Poi si è suicidato.

L’ALLARME – A dare l’allarme è stato un turista bolognese che, all’inizio, aveva pensato allo scoppio di alcuni petardi. All’arrivo dei sanitari del 118 per la donna non c’era più nulla da fare, mentre l’uomo è stato caricato in ambulanza ma è morto poco dopo.

TRE PISTOLE – I carabinieri hanno trovato nella disponibilità del bresciano Saleri, tre pistole, tutte regolarmente detenute. Con la prima l’uomo ha sparato a Sandra Lunardini, con la seconda si è sparato. La terza gli è stata trovata infilata nei calzoni. Di quelle pistole – hanno riferito diverse persone – non faceva mistero, tanto che le avrebbe mostrate in più d’occasione. Chi lo conosceva ha parlato di una persona irrequieta. In giro per la località rivierasca lo si notava anche per il suo parco veicoli: oltre alla vettura New Beetle Volkswagen ultima serie con la quale in mattina ha raggiunto il negozio della vittima, girava pure con una Ferrari F40, una Mercedes Smart e con una moto TMax Yamaha.

IL FIDANZAMENTO – Giancarlo Saleri e Sandra Lunardini si erano messi assieme circa una decina di anni fa e avevano convissuto per un certo periodo. La donna aveva però sospettato che lui avesse iniziato una relazione con una ex dipendente poco più che ventenne, e a gennaio la storia si era interrotta. Ma ci sarebbero anche questioni economiche legate alla proprietà del negozio della parrucchiera. L’uomo, ex co-titolare di una ditta del settore accessori bagno, da tempo viveva in una villetta a Milano Marittima.

LEI LO AVEVA GIA’ DENUNCIATO- Sandra Lunardini nell’ultimo mese aveva denunciato Gianfranco Saleri per due volte alla locale stazione carabinieri. In entrambe le occasioni per questioni legate agli incassi del negozio ritirati dall’ex compagno il quale, nonostante la conclusione della loro relazione, considerava l’attività ancora di sua competenza, guadagni quotidiani compresi. Da qui scaturivano alterchi caratterizzati anche da minacce molto gravi. E in conseguenza dei quali c’ erano stati diversi passaggi di una pattuglia dei carabinieri al negozio su richiesta di lei.

http://corrieredibologna.corriere.it/bologna/notizie/cronaca/2012/24-luglio-2012/omicidio-suicidio-marina-ravenna-uomo-uccide-ex-poi-fa-finita-2011155246804.shtml

This entry was posted in Femminicidio, Violenza maschile. Bookmark the permalink.