#96 – Italiano, uccide la compagna e si costituisce

Sondrio, uccide la compagna
e va in questura: “Arrestatemi”
La vittima è un’insegnante di sessant’anni che aveva da cinque anni una relazione con l’uomo,
col quale però non conviveva. L’arrestato, 65 anni, ha detto di essere stato colto da un raptus

Un’insegnante è stata uccisa nella notte a Sondrio dal compagno, accecato dalla gelosia, che poi ha avvisato la polizia. “Ho ucciso la mia compagna, arrestatemi”: attorno all’una della notte Giuseppe Merlini – 65 anni, nato in provincia di Milano e residente in quella di Lecco, con qualche piccolo precedente per reati commessi in gioventù – si è presentato al piantone della questura di Sondrio con questa confessione.

Poco dopo, su indicazione dell’uomo, gli investigatori della squadra mobile hanno scoperto il cadavere di Loredana Vanoi, insegnante di sessant’anni, vedova, nell’alloggio della donna, una villetta non lontana dal centro città, in viale Milano, un quartiere residenziale, a pochi passi dal comando provinciale della Polstrada.

Vanoli, che ora è in carcere con l’accusa di omicidio volontario, avrebbe spiegato di essere stato colto da un raptus e di averla colpita alla testa con un oggetto, probabilmente una coppa-trofeo con il basamento in marmo che la polizia scientifica ha sequestrato nell’abitazione. La relazione fra la donna e il suo assassino durava da circa cinque anni. Si frequentavano, facevano vacanze insieme, ma ognuno continuava a vivere per conto proprio. Nella notte il tragico epilogo.

http://milano.repubblica.it/cronaca/2012/08/25/news/sondrio_uccide_la_compagna_e_va_in_questura_arrestatemi-41452134/

«Ho ucciso la mia compagna, arrestatemi»
Confessa un uomo di 65 enni: ero geloso
La vittima è un’insegnante 60enne

MILANO – A Sondrio è stato arrestato un uomo di 65 anni con l’accusa di omicidio volontario. Gli investigatori della Squadra mobile sono intervenuti in un’appartamento del capoluogo della Valtellina dove è stata trovata morta una donna. Le indagini hanno accertato che il decesso è avvenuto in seguito a una violenta lite.

LA DINAMICA – La vittima, un’insegnante, è stata uccisa dal compagno, accecato dalla gelosia, che poi ha avvisato la polizia. «Ho ucciso la mia compagna, arrestatemi»: attorno all’una della notte Giuseppe Merlini – 65 anni, nato in provincia di Milano e ora residente in quella di Lecco con qualche piccolo precedente per reati commessi in gioventù – si è presentato al piantone della questura di Sondrio con questa confessione. Poco dopo su indicazione dell’uomo, gli investigatori della Squadra Mobile hanno scoperto il cadavere di Loredana Vanoi, 60 anni, vedova, nell’alloggio della donna, una villetta non lontana dal centro città. Merlini, che ora è in carcere con l’accusa di omicidio volontario, avrebbe spiegato di essere stato colto da un raptus e di averla colpita alla testa con un oggetto, probabilmente una coppa trofeo con il basamento in marmo che la Polizia Scientifica, a quanto si apprende, ha sequestrato nell’ abitazione. La relazione fra la donna e il suo assassino durava da circa 5 anni. Si frequentavano, facevano vacanze insieme, ma ognuno continuava a vivere per conto proprio. Nella notte il tragico epilogo.

http://milano.corriere.it/milano/notizie/cronaca/12_agosto_25/omicidio-sondrio-uomo-arresto-2111562548603.shtml

Sondrio, Uccide la compagna per gelosia: Arrestatemi

Uccide la compagna per gelosia e confessa – “Ho ucciso la mia compagna, arrestatemi”. E’ stato Giuseppe Merlini, 65 anni, a presentarsi in questura a Sondrio con questa confessione. La Squadra mobile è allora intervenuta e giunta nell’appartamento della vittima, nella zona di viale Milano, ha trovato la donna, Loredana Vanoi, vedova e insegnante di 60 anni, morta, uccisa dal suo compagno. I due compagni prima dell’accaduto stavano infatti litigando violentemente a causa della gelosia dell’uomo quando, preso da un raptus di rabbia, questo l’ha colpita alla testa con un oggetto, probabilmente una coppa trofeo in marmo, adesso all’esame della Polizia scientifica.

L’uomo in carcere con l’accusa di omicidio volontario- Le indagini hanno accertato la ricostruzione di Merlini che adesso si trova in carcere con l’accusa di omicidio volontario. Loredana Vanoi e Giuseppe Merlini si frequentavano ormai da 5 anni, erano stati in vacanza insieme e sembravano avere una relazione stabile sebbene non abitassero nel medesimo appartamento. Merlini, nato in provincia di Milano e residente a Mandello del Lario, Lecco, aveva alle spalle qualche piccolo reato commesso in gioventù.

http://www.newnotizie.it/2012/08/sondrio-uccide-la-compagna-per-gelosia-arrestatemi/

Sondrio, uccide la compagna e chiama la polizia: ”Sono stato io, ero geloso”

ultimo aggiornamento: 25 agosto, ore 15:32
Milano – (Adnkronos) – L’omicidio al culmine di una lite. L’uomo, 65 anni, ha colpito a morte la donna, 60 anni. Poi si è costituito

Milano, 25 ago. (Adnkronos) – Ha ucciso la compagna dopo una lite scoppiata per motivi di gelosia, dopodiché si è costituito. E’ successo questa notte a Sondrio, secondo quanto ha reso noto la questura del capoluogo valtellinese.

A consegnarsi alla Polizia è stato M.G., 65 anni, residente a Mandello del Lario (Lecco), dichiarando di aver ucciso poco prima la sua compagna, V.L., 60 anni, residente a Sondrio.
Gli agenti sono andati nell’appartamento, insieme al personale del 118, dove hanno trovato il corpo della donna, uccisa dai colpi inferti con un corpo contundente. L’uomo, che ha dichiarato di aver agito spinto dalla gelosia, è stato fermato e rinchiuso nel carcere di Sondrio, informa la questura.

http://www.adnkronos.com/IGN/News/Cronaca/Sondrio-uccide-la-compagna-e-chiama-la-polizia-Sono-stato-io-ero-geloso_313631289181.html

This entry was posted in Femminicidio, Violenza maschile. Bookmark the permalink.