Picchiate con spranghe e bastoni due prostitute

Riempiono di botte prostitute: una è incinta, ma la trascinano nella brace del falò
La furia degli aggressori non si è fermata neanche quando una delle due ha detto di essere incinta. Gli arrestati, Vittorio Zingaro e Matteo Dedda, l’hanno trascinata nella brace del falò acceso a bordo strada

Un’altra pagina triste, di degrado e delinquenza, è stata raccontata questa mattina dai carabinieri del comando provinciale di Foggia nel corso di una conferenza stampa svoltasi presso la caserma di via Alfredo Guglielmi.

Teatro della vicenda la Statale 16, nei pressi del deposito della TNT, dove quattro ragazzi foggiani, di cui due ancora in corso di identificazione, mentre transitavano a bordo di un’auto con targa straniera, hanno notato due prostitute romene, si sono fermati e le hanno aggredite con spranghe di ferro, piedi di porco e bastoni.

Per tentare di fermare la furia degli aggressori, le due giovani prostitute, di 21 e 22 anni, hanno consegnato spontaneamente il denaro guadagnato fino a quel momento, poco più di 100 euro. Ma ciò non è bastato. Anzi. I ragazzi non si sarebbero fermati nemmeno quando una delle due vittime ha urlato loro di essere incinta al quinto mese di gravidanza, trascindola nella brace del falò acceso a bordo strada.

Fortunatamente, però, un automobilista ha allertato il 112 attivando le numerose pattuglie presenti in città per il servizio a largo raggio. L’immediato intervento dei militari dell’Arma ha consentito di bloccare due degli aggressori, Matteo Dedda e Vittorio Zingaro, entrambi 24enni, mentre fuggivano a piedi lungo la statale.

Le giovani vittime, medicate al pronto soccorso degli Ospedali Riuniti, se la sono cavata con diverse contusioni ed escoriazioni al volto, al torace ed agli arti superiori. Gli arrestati sono stati tradotti presso la casa circondariale di Foggia.

http://www.foggiatoday.it/cronaca/arresti-foggia-matteo-dedda-vittorio-zingato-aggresssione-prostitute-ss-16.html

Foggia, picchiano prostituta incinta e la trascinano in un falò: arrestati due 24enni

Orrore a Foggia. Hanno aggredito con spranghe di ferro, piedi di porco e bastoni due giovani prostitute romene , una delle quali al quinto mese di gravidanza, che è stata trascinata nelle braci di un falò a bordo strada.

Per questo due dei presunti aggressori sono stati arrestati dai carabinieri. Si tratta di Matteo Dedda e Vittorio Zingaro, entrambi di 24 anni, accusati di rapina aggravata ai danni delle due donne di 21 e 22 anni, che si prostituivano lungo la statale 16, a Foggia. I due foggiani, a bordo di un’autovettura con targa straniera, l’altra sera sono scesi dal mezzo assieme ad altri due complici, in corso di identificazione, e hanno pestato le due donne.

Durante l’aggressione, la prostituta incinta ha consegnato spontaneamente il denaro fino a quel momento racimolato, poco più di 100 euro, pur di fermare la furia dei suoi aggressori che, tuttavia – come ha raccontato la donna – non si sono fermati e l’hanno trascinata nelle braci del falò acceso a bordo strada. Ad allertare i carabinieri è stato un automobilista che ha chiamato il 112. I militari sono riusciti subito a bloccare due degli aggressori mentre fuggivano a piedi lungo la statale, impedendo probabilmente che la feroce aggressione potesse avere conseguenze più gravi. Le giovani, medicate al pronto soccorso degli Ospedali Riuniti di Foggia, se la sono cavata con diverse contusioni ed escoriazioni al volto, al torace e agli arti superiori.

http://www.ilmessaggero.it/primopiano/cronaca/prostituta_fal_foggia_picchiano_aggressione/notizie/358321.shtml

Prostitute picchiate a Foggia, arrestati i presunti aggressori

Hanno aggredito con spranghe di ferro, piedi di porco e bastoni due giovani prostitute romene, una delle quali al quinto mese di gravidanza, che è stata trascinata nelle braci di un falò a bordo strada: per questo due dei presunti aggressori sono stati arrestati dai carabinieri di Foggia. Si tratta di Matteo Dadda e Vittorio Zingaro, entrambi di 24 anni, accusati di rapina aggravata ai danni delle due donne di 21 e 22 anni, che si prostituivano lungo la statale 16 a Foggia. I due foggiani l’altra sera a bordo dell’autovettura con targa straniera sono scesi dal mezzo assieme ad altri due complici e hanno pestato le donne. Durante l’aggressione la prostituta incinta ha consegnato spontaneamente il denaro fino a quel momento racimolato, pur di fermare la furia dei suoi aggressori. Ad allertare i carabinieri è stato un automobilista. I militari sono riusciti a bloccare due degli aggressori mentre fuggivano a piedi lungo la statale. Le due giovani se la sono cavata con diverse contusioni.

http://www.antennasud.com/sezioni/news/cronaca/prostitute-picchiate-a-foggia-arrestati-i-presunti-aggressori/

This entry was posted in Aggressione, Femminicidio, Razzismo, Violenza commessa da uomini, Violenza di genere - Vittime Femminili. Bookmark the permalink.