Lui spara all’ex, al figlio e all’amica della donna e tenta il suicidio

Orrore a Perugia, sparatoria per strada. Quattro feriti gravissimi
Un uomo colpisce la ex compagna, il figlio di appena tre anni e un’amica della donna. Poi rivolge l’arma contro di sé

PERUGIA – E’ di quattro feriti gravi, e non di un morto come si era appreso inizialmente, il primo bilancio di un episodio avvenuto stamane alla periferia di Perugia, dove un uomo ha sparato alla ex compagna, al figlio di quasi tre anni e ad un’amica della donna per poi esplodersi un altro colpo alla testa. Tutti sono ricoverati all’ospedale di Perugia.

L’aggressione è avvenuta a Ponte Valleceppi. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, sembra che l’uomo abbia sparato alla ex compagna, all’amica e al bambino mentre i tre stavano salendo su un’auto parcheggiata in una stradina laterale della frazione. Tra le ipotesi al vaglio degli investigatori anche motivi passionali. Sul posto si è subito recato anche il sindaco di Perugia, Andrea Romizi, che si è poi allontanato senza fare dichiarazioni.

http://www.repubblica.it/cronaca/2014/07/06/news/sparatoria_in_strada_a_perugia_un_morto_e_due_feriti-90835583/?ref=HREA-1

Perugia, spara alla ex, all’amica e al figlio di 3 anni: poi tenta il suicidio
Un uomo ha sparato alla ex compagna, al figlio e ad un’amica della donna per poi esplodersi un altro colpo alla testa. Ricoverati

È di quattro feriti gravi, e non di un morto come si era appreso inizialmente il primo bilancio di un episodio avvenuto stamane alla periferia di Perugia dove un uomo ha sparato alla ex compagna, al figlio e ad un’amica della donna per poi esplodersi un altro colpo alla testa. Tutti sono ricoverati all’ospedale di Perugia.

http://www.corriere.it/cronache/14_luglio_06/perugia-colpi-arma-fuoco-strada-morto-due-feriti-0d0b61ec-04f0-11e4-915b-77c91b2dfa50.shtml

This entry was posted in Femminicidio, Strage familiare, Tentato omicidio, Violenza commessa da uomini, Violenza di genere - Vittime Bambini/e, Violenza di genere - Vittime Femminili. Bookmark the permalink.