Uomo uccide la madre e il fratello

Erba, uccide la madre invalida e spara al fratello. Ai carabinieri confessa: “Non ce la facevo più”
La vittima, 89 anni, era bloccata da tempo a letto dalla malattia. Il figlio l’ha uccisa con la vecchia pistola del nonno. Al momento dell’arresto non ha saputo dire altro che: “Non potevo andare avanti in questo modo”

Ha impugnato una vecchia pistola e ha sparato un colpo in testa alla madre dopo averle coperto il volto con un cuscino. La donna, 89 anni bloccata da una malattia invalidante, è morta sul colpo. L’omicida poi è salito lungo una rampa di scale e ha esploso un secondo proiettile verso il letto dove dormiva il fratello, mancandolo. Infine è tornato al piano terra e ha telefonato al 112: “Ho sparato a mamma – ha detto al centralinista dei carabinieri – dovete venire a prendermi”. La tragedia poco dopo mezzogiorno in un’antica corte di Erba (Como), al numero 8 di via Verri.

L’assassino, Massimo Rosa, 63 anni, viveva con la donna e il fratello Sandro, 65 anni. Da 15 anni la madre, Luigia Castelnuovo, viveva bloccata a letto: negli ultimi tempi le sue condizioni erano progressivamente peggiorate tanto che i figli avevano deciso di ricoverarla in una struttura sanitaria specializzata, il trasferimento sarebbe dovuto avvenire tra poche settimane.

“Mamma soffriva terribilmente, urlava ogni notte, non mi faceva dormire. Non potevamo andare avanti così” avrebbe raccontato Massimo Rosa ai carabinieri. Questa l’unica ragione per cui, stando alla confessione, l’uomo ha preso la pistola (cimelio di famiglia appartenuto al nonno e non denunciato) e sparato. La dinamica parrebbe accertata anche se gli inquirenti devono ancora chiarire perché l’omicida abbia esploso il secondo colpo verso il fratello. Il proiettile è finito contro un muro della stanza da letto e, almeno per il momento, non è escluso che Massimo, in preda al raptus, abbia voluto usare la pistola una seconda volta “solo” per svegliare Sandro.

Dopo la telefonata in cui Rosa si è autodenunciato, sul posto con i carabinieri sono arrivate un’automedica e un’ambulanza, i medici non hanno potuto far altro che constatare il decesso dell’anziana. Subito dopo il 63enne è stato portato in caserma e interrogato, ai militari ha ripetuto sempre la stessa frase: “Non potevo andare avanti in questo modo”. Per quanto riguarda il giallo legato al secondo colpo non ha saputo, o voluto, spiegare quali fossero le reali intenzioni. Così per il momento è stato fermato con l’accusa di omicidio volontario cui potrebbe sommarsi quella per tentato omicidio.

I due fratelli e la madre erano ben conosciuti in zona. Amici, conoscenti e vicini di casa sono concordi nel raccontare una famiglia “equilibrata e serena” in cui i figli si sono sempre occupati “con generosità e amore della mamma”. Luigia Castelnuovo, seppure debilitata da molti anni di malattia, viene descritta come una donna perfettamente lucida e consapevole, se non nelle ultime settimane quando l’Alzheimer ha preso il sopravvento.

http://milano.repubblica.it/cronaca/2014/07/16/news/erba_uccide_la_madre_invalida_e_spara_al_fratello_poi_chiama_i_carabinieri-91750840/?ref=HREC1-9

This entry was posted in Delitto nell'ambito del ruolo di cura, Delitto per motivi psichiatrici, Violenza commessa da uomini. Bookmark the permalink.