Marescialli dell’aeronautica accusati di violenza e rapina a sex workers

Rapinavano e violentavano squillo :
arrestati due marescialli dell’aeronautica
Facevano parte di una banda di quattro persone che l’incubo delle prostitute di Latina: presi tutti

LATINA – Dal sei febbraio scorso, data dalle prime violenze, erano diventati l’incubo delle prostitute del capoluogo pontino. Le numerose incursioni della banda hanno messo però in allerta le forze dell’ordine consentendo di arrestare quattro uomini, tutti residenti tra Roma e provincia , inseguiti non appena usciti da un appartamento di Latina dove avevano consumato l’ennesima serie di violenze, oltre alla rapina che aveva fruttato circa mille euro e qualche oggetto di poco valore.

LA BANDA – In manette sono finiti il 53enne A.C., il 44 enne M. P., A. D. e P. D.. I primi due, uno residente ad Albano e l’altro a Roma, sono marescialli dell’aeronautica in servizio a Fiumicino ed hanno a loro carico piccoli precedenti penali. Un altro, classe 1982, anche lui residente nella Capitale, è invece un’ex guardia giurata: nella banda anche romeno di 43 anni residente ad Ostia.

VIOLENZA INAUDITA – Il gruppo di amici stava accrescendo di volta il volta la violenza delle incursioni: prima prendevano appuntamento come normali clienti con le squillo, poi bussavano alla porta dichiarandosi poliziotti, infine immobilizzavano le vittime, le rapinavano e le violentavano. Il tutto sempre a volto scoperto, facendo intendere agli investigatori un primo importante inzio, ovvero che si trattasse di balordi in trasferta.

ODIAVANO LE SQUILLO – Giovedì sera il gruppo è stato individuato dai carabieri all’uscita di un appartamento al centro di Latina, e dopo un breve inseguimento verso la Capitale, i quattro sono stati bloccati. Sulla vettura è stato rivenuto diverso materiale compromettente: pistola, coltello, fascette e nastro adesivo per bloccare le vittime, ed anche dell’etere etilico usato come anestetico. Difficile capire il reale motivo delle sopraffazioni compiute; solo uno di loro avrebbe detto chiaramente che il risentimento verso le prostitute sarebbe maturato a seguito di una rapina che lui stesso aveva subito come cliente.

http://roma.corriere.it/roma/notizie/cronaca/13_marzo_1/rapina-squillo-militari-2114275092703.shtml?utm_source=twitterfeed&utm_medium=twitter

This entry was posted in Rapina, Stupro, Violenza commessa da uomini, Violenza di genere - Vittime Femminili, Violenza di matrice autoritaria. Bookmark the permalink.