Ancora un’altra ragazza filmata mentre picchia una coetanea

Pavia come Bollate, un’altra ragazzina
picchiata da coetanea finisce sul web
Una vicenda di bullismo analoga a quella della 15enne denunciata nel Milanese. L’aggressione è avventuta nella stazione dei bus. E anche in questo caso c’è di mezzo un fidanzato ‘rubato’

Un nuovo caso di bullismo fra ragazzine, questa volta a Pavia, finisce su Internet dopo quello di Bollate, in provincia di Milano. Le immagini di una ragazza che viene picchiata da una coetanea davanti a decine di compagne e compagni sono state girate da un ragazzo, con un telefonino, lo scorso 17 gennaio alla stazione delle corriere di Pavia (luogo in cui si radunano moltissimi studenti dopo la scuola, ciascuno in attesa dell’autobus che lo porterà a casa). Tra il piazzale degli autobus e i portici, una minorenne che indossa una felpa con i colori della bandiera americana va in cerca di quella che, a quanto riferito da alcuni presenti, le avrebbe rubato il ragazzo.

La ragazzina picchiata, che riesce ad allontanarsi (apparentemente senza aver riportato ferite) solo dopo l’intervento di compagni e compagne che tengono ferma, tentando di calmarla, la giovane che continuava a rincorrerla, vittima di un precedente ricatto da parte di più persone che sarebbero in possesso di un video privato che la ritrae, non
avrebbe presentato denuncia alle forze dell’ordine.

Il video del pestaggio alla stazione degli autobus di Pavia è comparso su YouTube, rimbalzando sulle bacheche di moltissimi utenti Facebook e rilanciando – come se ce ne fosse stato ancora bisogno – le polemiche su quanto avvenuto, filmato e messo in rete pochi giorni fa a Bollate quando una minorenne per lo stesso motivo è stata aggredita e presa a sberle e a calci da una coetanea dopo l’uscita da scuola.

http://milano.repubblica.it/cronaca/2014/02/08/news/pavia_come_bollate_un_altra_ragazzina_picchiata_da_coetanea_finisce_sul_web-78051899/

This entry was posted in Aggressione, Bullismo, Percosse, Violenza commessa da donne, Violenza delle donne. Bookmark the permalink.