#2 (Bambino) – ucciso dalla madre, separata, che poi si suicida

Napoli, madre e figlio di due anni trovati morti a letto
E’ accaduto a Melito. La donna, separata dal marito, si sarebbe suicidata con un’arma da taglio dopo aver avvelenato il bambino con dei farmaci. Vicino al letto lettere di scuse al suo ex e foto strappate del matrimonio

Una donna di 32 anni, Anna Esposito, e il suo bimbo bimbo di due anni e mezzo sono stati trovati morti a letto in un’abitazione di Melito , in provincia di Napoli. Entrambi erano sporchi di sangue. La donna è stata rinvenuta sul letto con alcune coltellate inferte sul corpo. Accanto a lei il corpo del bimbo che sarebbe stato avvelenato con dei farmaci. L’abitazione si trova in via Kennedy 32.

A trovare i corpi è stato il fratello della donna che, entrato in casa utilizzando le chiavi avute dai vicini, ha dovuto sfondare una porta interna per accedere alla stanza dove c’erano i due corpi. La donna era separata e proprio questo sembra essere all’origine del gesto: accanto al letto sono infatti state ritrovate le lettere della donna all’ex compagno, nelle quali si scusa per la fine del loro rapporto, e le foto del matrimonio strappate.

http://napoli.repubblica.it/cronaca/2015/03/30/news/napoli_donna_e_bimbo_di_due_anni_morti_a_letto-110813146/

Avvelena il figlio di due anni
con le bustine di farmaci e si uccide
A Melito, hinterland napoletano. Ha somministrato al piccolo un’alta dose di nimesulide
Poi la mamma si è ammazzata colpendosi con due coltelli

NAPOLI – Orrore a Melito, hinterland napoletano: i corpi di Anna, di 33 anni, e di suo figlio Gaetano, di due, sono stati trovati nella stanza da letto di un’abitazione di via Kennedy.

Le lettere al marito e le foto strappate
Dalle prime indagini è emerso che il piccolo Gaetano è stato avvelenato dalla madre con farmaci a base di nimesulide. La donna, che lavorava come operaia in una fabbrica della zona, meditava il gesto già da molti giorni, come emerge da alcune lettere al marito trovate in casa. Nelle lettere Anna chiede scusa al consorte per non avergli saputo dare la felicità che entrambi avevano sperato. Su un divano sono anche state trovate le foto del matrimonio della coppia strappate. L’omicidio-suicidio (la donna si è ammazzata con un coltello da cucina e uno da torta) è avvenuto nel corso della notte. Stamattina una sorella di Anna le ha telefonato e non avendo ricevuto risposta ha chiesto al fratello di andare a controllare.

A trovare i corpi è stato infatti il fratello della donna che, entrato in casa utilizzando le chiavi avute dai vicini, ha dovuto sfondare una porta interna per accedere alla stanza dove c’erano i due cadaveri.
Il cordoglio del sindaco
«Esprimiamo profondo cordoglio per la tragica scomparsa della giovane Anna e del suo bambino, trovati senza vita questa mattina a Melito. Un lutto che ha sconvolto tutta la nostra comunità e per il quale ci stringiamo ai familiari nel loro immenso dolore». Così, in una nota, il sindaco di Melito, Venanzio Carpentieri.

http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/napoli/cronaca/15_marzo_30/madre-figlio-2-anni-trovati-morti-casa-pista-dell-0micidio-suicidio-000921ec-d6bd-11e4-98fd-eb61b2c716f3.shtml

This entry was posted in Suicidio donne, Violenza commessa da donne, Violenza di genere - Vittime Bambini/e. Bookmark the permalink.